Ancora sulle assunzioni nei comuni non soggetti al patto di stabilita’ dal 1° gennaio 2011

Scritto da Gian Marco Brumana on .

Al fine di evitare le situazioni a dir poco paradossali poste dal D.L. 78 del 2010 in materia di assunzioni, la Corte dei conti della Lombardia con parere 955/2010 ha modificato la posizione assunta in precedenza, sostenendo, con un’interpretazione “costituzionalmente orientata”, che anche dal 1° gennaio 2011 i comuni non soggetti al patto di stabilità possono assumere:

  • nel limite della spesa del 2004 al netto del costo dei rinnovi contrattuali;
  • in sostituzione del personale cessato nell’anno precedente.

Dirigenza e valutazione delle prestazioni

Scritto da Gian Marco Brumana on .

E’ frequente in questo periodo imbattersi in una dirigenza più consapevole delle proprie prerogative, del ruolo centrale che la "riforma Brunetta" gli ha affidato sia in materia di organizzazione che di gestione del personale. Non che tali prerogative non fossero presenti già prima del D.Lgs 150/2009, ma sicuramente con il citato decreto il ruolo della dirigenza ne esce rafforzato, tanto da far pensare a qualcuno che la contrattazione collettiva sia un “inutile orpello” del recente passato, anche se il contratto costituisce sempre e comunque la fonte del rapporto di lavoro e la contrattazione collettiva ne regola i diritti e gli obblighi.

Il nuovo art. 208 del codice della strada ed il parere della corte dei conti della lombardia

Scritto da Gian Marco Brumana on .

In risposta al quesito posto dal sindaco del comune di Gallarate, la sezione regionale della Corte dei conti della Lombardia con il parere n. 961/2010 del 13 ottobre c.a. ha affrontato la questione del possibile utilizzo dei proventi delle sanzioni amministrative per violazione del codice della strada ai fini della retribuzione di prestazioni straordinarie aggiuntive, buoni pasto e progetti finalizzati del personale dipendente a tempo indeterminato e destinati, in applicazione del nuovo comma 5 bis dell’art. 208 del codice della strada, al potenziamento della sicurezza urbana e alla sicurezza stradale, nonché a progetti di potenziamento dei servizi notturni e di prevenzione delle violazioni di cui agli articoli 186, 186-bis e 187.

Nel lungo parere la Corte dei conti lombarda affronta anche la questione delle modalità di finanziamento degli eventuali progetti, se in applicazione dell’art. 15, comma 5, del CCNL dell’ 1.4.1999 o in applicazione dell’art. 15, comma 1, lett. k) (specifiche disposizioni di legge) dello stesso CCNL.

Tagli alle tredicesime per i dipendenti pubblici?

Scritto da Gian Marco Brumana on .

In questi giorni ci sono pervenute telefonate preoccupate circa l’eventualità che le prossime tredicesime dei dipendenti pubblici vengano tagliate attraverso una manovra correttiva che il Governo si accingerebbe ad approvare.

La notizia è stata data pressoché per certa in alcuni corsi tenuti dai soliti “gettonati esperti” alle prese con la complessa interpretazione degli ambiti di applicazione della “Riforma Brunetta” in relazione ai previsti tagli della “manovra estiva”.