Stampa

La tassazione degli arretrati contrattuali

Scritto da Dino Pusceddu on .

A seguito del rinnovo contrattuale nel Pubblico Impiego sono stati erogati nel mese di giugno gli arretrati riferiti alle annualità 2016 e 2017 ma ci viene segnalato da alcuni dipendenti che la tassazione applicata non risponde a quanto previsto dall’attuale normativa.

 

L’art. 17, comma 1, lett. b) del D.P.R. 917/1986 prevede che sugli “emolumenti arretrati per prestazioni di lavoro dipendente” si applichi la tassazione separate e che quindi gli stessi non si sommino al reddito dell’anno: questo comporta degli oggettivi vantaggi sia in termini di tassazione che di reddito imponibile anche per poter mantenere il diritto al bonus previsto dall’art. 1 del D.L. 66/2014 (80 euro).

Per emolumenti arretrati si fa riferimento unicamente a quanto corrisposto come arretrato per gli anni precedenti. Le somme riferite al 2018, siano esse derivanti dall’elemento perequativo o dagli aumenti con decorrenza gennaio o marzo 2018, si sommano quindi al reddito imponibile dell’anno e concorrono alla determinazione dello stesso.

Per individuare l’aliquota da utilizzare per il calcolo della tassazione separata è necessario sommare i redditi complessivi dei due anni precedenti a quello in cui è stato percepito il reddito da sottoporre a tassazione separata e dividere per due il risultato (reddito imponibile 2016 + reddito imponibile 2017 / 2). In questo modo si ottiene la media annuale del reddito del biennio.

Sul reddito medio si applica l’Irpef in base alle aliquote vigenti e quindi l’incidenza media percentuale di tale imposta sul reddito medio. Questa percentuale corrisponde all’aliquota da applicare al reddito a tassazione separata.

Di seguito vi riportiamo un esempio del calcolo:

Reddito a tassazione separata percepito nel 2018 di €. 404,30

Reddito complessivo anno 2017 di €. 24.500,00

Reddito complessivo anno 2016 di €. 23.500,00

 

Calcolo della media annuale del reddito del biennio

24.500,00 + 23.500,00 = 48.000,00

48.000,00 : 2 = 24.000,00

 

Calcolo dell’aliquota da applicare al reddito a tassazione separata

fino a 15.000 euro 23% 3.450,00

da 15.000 a 28.000 euro 27% 2.430,00

L’imposta corrispondente a €. 24.000,00 è pari a 5.880,00 euro

 

Calcolo dell’incidenza media

24.000,00 : 5.880,00 = 100 : x

= 5.880,00 x 100 = 24,50

24.000,00

 

Calcolo dell’imposta 404,30 € x 24,50% = 99,05 €