Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Autonomie locali

Il Comparto delle Autonomie locali, nell'ambito della FP CGIL, si occupa delle problematiche che attengono i contratti collettivi di:

* Regioni ed Autonomie Locali - IPAB - Camere di Commercio

* Dirigenza

* Segretari comunali

* Consorzi industriali

* Federcasa

* Federculture

* ANCI

Inoltre interviene nei processi di riordino e riforma che investono il settore con particolare riguardo alle questioni inerenti l'organizzazione e la gestione del personale, la trasparenza e l'efficacia dell'azione amministrativa, la tutela ed il rispetto della salute.

L'attività svolta dalla CGIL, nel corso degli anni, a difesa e tutela degli oltre 600.000 addetti del settore è stata premiata dai lavoratori con un consenso che ha posto la nostra organizzazione in una posizione di assoluta preminenza, sia in termini di voti alle elezioni per le RSU che d'iscrizioni alla CGIL, rispetto agli altri sindacati.

E' questo un riconoscimento che intendiamo non solo mantenere, ma anche ampliare, intensificando la nostra azione in vista del prossimo rinnovo dei contratti scaduti, nel completamento dei processi di decentramento avviati dalle Bassanini.

Stampa

Arriva il KIT per la Costituzione del Fondo 2019: è l’occasione per verificare il fondo 2018

Scritto da Dino Pusceddu on .

Anche quest’anno la Funzione Pubblica CGIL di Bergamo mette a disposizione degli Enti del territorio il kit di Costituzione del fondo del salario accessorio per il personale dipendente: è stato un lavoro particolarmente complesso visto il costante evolversi della normativa e della prassi ad un anno dall’approvazione del CCNL.

Come sempre l’obiettivo è di dare uno strumento agli uffici preposti alla costituzione delle risorse del salario accessorio e, soprattutto, tutelare i dipendenti che a causa di un’errata costituzione delle risorse rischiano di vedersi decurtata la propria produttività.

Stampa

Le progressioni orizzontali e la fantasiosa lettura del conto annuale

Scritto da Dino Pusceddu on .

Il 16 maggio 2019 la Ragioneria Generale dello Stato ha emesso la consueta circolare contenente le istruzioni per l’acquisizione dei dati di organico e di spesa del personale dipendente dalle pubbliche amministrazioni per l’anno 2018, il cosiddetto conto annuale. 

Quest’anno, visti i tempi lunghi di redazione della circolare informativa e dell’aggiornamento della piattaforma a seguito dei rinnovi contrattuali, la scadenza per l’invio dei dati per tutti gli Enti è stata prorogata al 15 giugno 2019.

Stampa

E dopo il 20 maggio come vengono retribuite le Posizioni Organizzative?

Scritto da Dino Pusceddu on .

È lotta contro il tempo negli Enti Locali per adempiere alla disciplina prevista dal CCNL 21.5.2018 relativa alle Posizioni Organizzative. La norma è nota da un anno: l’art. 14 comma 3 del CCNL prevede che “Gli incarichi di posizione organizzativa di cui all’art.8 del CCNL del 31.3.1999 e all’art.10 del CCNL del 22.1.2004, già conferiti e ancora in atto, proseguono o possono essere prorogati fino alla definizione del nuovo assetto delle posizioni organizzative, successivo alla determinazione delle procedure e dei relativi criteri generali previsti dal comma 1 dell’art 14 e, comunque, non oltre un anno dalla data di sottoscrizione del presente CCNL.”

Quindi il prossimo 20 maggio, qualora non fosse avvenuta una nuova nomina degli incaricati di Posizioni Organizzativa a seguito della definizione del nuovo assetto delle P.O., gli attuali incaricati non sarebbero più titolari dell’incarico contrattuale. La norma appare di una certa rigidità anche se un anno per la definizione dei nuovi assetti ci sembra un tempo assolutamente congruo per adeguarsi alla disciplina contrattuale anche alla luce del fatto che i nuovi regolamenti sono stati redatti in qualche giorno da parecchi comuni.

Eppure, a confondere ulteriormente una situazione di per sé caotica, è arrivato un articolo di Luigi Olivieri su Italia Oggi.