Il Direttore regionale INPS partecipa ai convegni anziché incontrare i lavoratori

Enti pubblici non economici
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

difendiamo_inpsPubblichiamo la lettera inviata dai lavoratori della FP CGIL - INPS e dalla Funzione Pubblica CGIL di Bergamo al Direttore dell'INPS della Lombardia e di Bergamo a seguito della sua partecipazione al Convegno "Come e perché l'INPS si ri-organizza" di giovedì 26 maggio. I lavoratori, e la CGIL con loro, lamentano la mancanza di coinvolgimento e informazione sul processo. Ma è ovviamente più facile affrontare alcune Organizzazioni Sindacali che i lavoratori.

 

Al Dott. Sergio Saltalamacchia

Direttore Regionale INPS

Al Dott. Tullio Ferretti

Direttore INPS Bergamo

Egregio Dott. Ferretti ed Egregio Dott. Saltalamacchia,

apprendiamo con stupore della vostra partecipazione al convegno organizzato a Bergamo dalla CISL sulla tematica della riorganizzazione. Questo non perché non sia opportuno e meritorio un confronto con le Organizzazioni Sindacali ma perché a Bergamo sono mancati i momenti di confronto con i lavoratori e le loro rappresentanze nei luoghi deputati.

I dipendenti della sede di Bergamo infatti vivono questo momento di riorganizzazione con notevoli timori e nella più assoluta mancanza di informazioni. Da un momento all’altro si esternalizzano i servizi e, come abbiamo evidenziato più volte, la confusione è insostenibile.

Confusione che è il risultato del mancato coinvolgimento del personale, e di una serie di problemi che si affrontano non in maniera programmata ma rincorrendo le emergenze.

I problemi che sta attraversando l’INPS in questo momento sono noti: la carenza di personale ormai insostenibile, le pratiche di invalidità civile che vanno a singhiozzo e un’informatizzazione non ancora in grado di rispondere in modo efficace al nuovo modello organizzativo.

Per questo noi riteniamo sbagliato avviare un confronto solo con alcune sigle sindacali e non nelle sedi istituzionali, e nel momento in cui il personale non è stato ancora chiamato ad esprimersi in assemblea.

Prendiamo atto che il Direttore Generale della Lombardia (che i lavoratori della sede di Bergamo non conoscono ancora), invece che confrontarsi con i lavoratori, preferisce partecipare ai convegni.

Chiediamo quindi che ai “convegni” seguano dei momenti di confronto nelle sedi opportune e delle modalità di informazione trasparente dei processi.

Cordiali saluti,

p. la Funzione Pubblica CGIL Bergamo

Pusceddu Dino

I lavoratori FP CGIL – INPS